LinkedIn condivide nuove informazioni per massimizzare la risposta ai tuoi messaggi InMail

LinkedIn ha ha pubblicato una nuova analisi dei migliori approcci a InMail e massimizzazione del DM si apre nell’app, in base a ‘decine di milioni di messaggi di posta elettronica inviati in mezzo Maggio 2021 e aprile 2022 nell’app.

Che si concentra principalmente sui reclutatori, anche se in realtà una vasta gamma di persone utilizza InMail per entrare in contatto con le persone su LinkedIn, per scopi diversi, e molti dei risultati si applicheranno in un senso più generale.

Ma LinkedIn prende nota dell’opzione come strumento chiave di reclutamento.

Come per LinkedIn:

Più risposte significano che i reclutatori ottengono più risultati economici dalla loro assegnazione InMail. Questo perché i reclutatori guadagnano un credito InMail se il loro messaggio riceve una risposta entro 90 giorni (anche se è negativa). Quindi, i tassi di risposta non riflettono solo il coinvolgimento dei candidati, ma anche l’efficienza del reclutatore. Ma che tipo di messaggi InMail determinano effettivamente tassi di risposta più elevati e in che modo i reclutatori possono migliorare il proprio tasso di risposta InMail?”

Vale la pena dare un’occhiata al rapporto completo se stai cercando di utilizzare la posta di LinkedIn all’interno del tuo approccio di marketing digitale, ma in sintesi, quello di LinkedIn risultati chiave sono:

  • Gli InMail più brevi hanno prestazioni significativamente migliori rispetto a quelli più lunghi
  • Evita di inviare messaggi di posta il sabato (e probabilmente anche il venerdì)
  • Gli InMail personalizzati hanno prestazioni migliori di circa il 15% rispetto a quelli inviati in blocco
  • I candidati che sono “Partite consigliate” o “Aperti al lavoro” hanno circa il 35% di probabilità in più di rispondere rispetto ad altri

Che è più o meno lo stesso di ciò che LinkedIn ha raccomandato in risposta allo stesso rapporto dell’anno scorso, il che sottolinea il valore di queste note come punti guida per il tuo approccio InMail.

Ecco una panoramica più approfondita dei risultati di LinkedIn:

Prima di tutto, sulla lunghezza del messaggio: LinkedIn afferma che gli InMail con meno di 400 caratteri funzionano meglio.

Come puoi vedere qui, esiste essenzialmente una scala mobile di coinvolgimento con InMails, basata sulla lunghezza.

“Il tasso di risposta per gli InMail più brevi è del 22% superiore al tasso di risposta medio per tutti gli InMail. Allo stesso modo, il tasso di risposta per gli InMail più lunghi è dell’11% inferiore al tasso medio”.

Ovviamente, questo dipende interamente dal tuo messaggio e dal convincere le persone a interagire con ciò che stai cercando di comunicare. In quanto tale, non ci sono regole definitive, ma i risultati forniscono alcune indicazioni su come puoi cercare di aumentare la risposta ai tuoi messaggi in-app.

LinkedIn fornisce anche un esempio di un ottimo messaggio InMail con meno di 400 caratteri.

Esempio di InMail di LinkedIn

Sebbene LinkedIn noti anche che i suoi dati potrebbero anche essere leggermente distorti a causa della scarsità di InMail più brevi nel suo set di dati.

Studio InMail di LinkedIn

Come puoi vedere qui, solo il 10% dei messaggi inviati su LinkedIn ha meno di 400 caratteri, quindi sebbene funzionino meglio, ciò potrebbe anche essere dovuto al fatto che si distinguono di più, a causa della maggior parte dei messaggi che richiedono maggiore attenzione da parte dell’utente.

Il che suggerirebbe comunque che si tratta di un approccio efficace, ma potrebbe essere un altro elemento da considerare.

LinkedIn rileva inoltre che l’invio di messaggi InMail di venerdì o sabato generalmente si traduce in una risposta più scarsa.

Studio InMail di LinkedIn

Ogni altro giorno è abbastanza uniforme per quanto riguarda il tasso di risposta, anche se LinkedIn afferma che il lunedì sono i giorni migliori per inviare i tuoi messaggi.

Detto questo, il venerdì vengono inviati molti messaggi InMail.

Studio InMail di LinkedIn

Come nota LinkedIn:

“Se stai per inviare quell’InMail un venerdì pomeriggio, considera programmandolo invece per lunedì mattina.

LinkedIn fornisce anche alcune statistiche più specifiche sulle prestazioni dei messaggi InMail, osservando che i messaggi inviati individualmente vedono tassi di risposta di circa il 15% superiori rispetto ai messaggi InMail inviati in blocco.

Studio InMail di LinkedIn

Il che ha senso: nessuno vuole ricevere un modello di email generico “Ciao ***, ho notato che sei interessato a ***”, poiché per lo più si sentono non mirati e spam. Anche il minimo tocco personale può aggiungere molto al coinvolgimento tramite e-mail e attirare più interesse.

LinkedIn rileva inoltre che il tasso di risposta ai messaggi InMail per i candidati che indicano di essere “Aperti al lavoro” è del 37% superiore a quello degli altri, mentre i candidati trovati nelle corrispondenze consigliate hanno fino al 35% in più di probabilità di accettare messaggi InMail rispetto ai candidati trovati solo nella ricerca del reclutatore.

Studio InMail di LinkedIn

Che sono ovviamente, ancora una volta, punti dati più specifici del reclutatore, ma vale la pena notare nel senso che puoi ricavare da un profilo utente indipendentemente dal fatto che stiano cercando di essere contattati o meno. Ciò potrebbe anche riguardare elenchi di servizi freelance, riepilogo della loro carriera, titolo del profilo, ecc.

Ancora una volta, ci sono molti buoni dati qui e, sebbene si basi sull’analisi degli InMail dei reclutatori, vale la pena notare le varie tendenze da considerare nei tuoi approcci alla messaggistica di LinkedIn.

Puoi leggere il rapporto di risposta InMail completo di LinkedIn qui.