Twitter accetta una multa di 150 milioni di dollari dalla FTC per uso improprio passato delle informazioni personali degli utenti

I successi continuano ad arrivare al quartier generale di Twitter.

Questa settimana, Twitter ha ha accettato di pagare un accordo di $ 150 milioni alla FTC per un uso improprio passato dei dati dell’utente, che ha visto le informazioni inviate per scopi di conferma dell’identificazione personale erroneamente e poi utilizzate negli sforzi di targeting degli annunci di Twitter.

Come spiegato da Twitter:

Il 25 maggio 2022, Twitter ha raggiunto un accordo con la Federal Trade Commission (FTC) in merito a un incidente sulla privacy divulgato nel 2019 quando alcuni indirizzi e-mail e numeri di telefono forniti per motivi di sicurezza dell’account potrebbero essere stati utilizzati inavvertitamente per la pubblicità. Questo problema è stato affrontato a partire dal 17 settembre 2019 e oggi vogliamo ribadire il lavoro che continueremo a fare per proteggere la privacy e la sicurezza delle persone che utilizzano Twitter”.

Il problema, come osserva Twitter, è stato reso pubblico nel 2019, quando Twitter ha rivelato di aver utilizzato le informazioni inviate per i controlli di sicurezza dell’account nell’ambito del processo di targeting dei dati.

Twitter ha rivelato la scoperta iniziale nel suo Risultati del terzo trimestre 2019in cui ha osservato che la correzione di questo elemento avrebbe un impatto sulla sua performance complessiva dei ricavi.

Come Il CFO di Twitter Ned Segal ha spiegato all’epoca:

Chiediamo alle persone una serie di domande prima di metterti in una sequenza temporale quando sei nuovo su Twitter. Tra le domande che ci poniamo ci sono se possiamo utilizzare le impostazioni del tuo dispositivo per capire i migliori annunci da mostrarti. Si scopre che quell’impostazione non funzionava come previsto e stavamo utilizzando le impostazioni del dispositivo anche se le persone ci avevano chiesto di non farlo. Quindi, quando l’abbiamo scoperto, uno, ne abbiamo twittato, cosa che spesso facciamo per cercare di essere trasparenti con le persone quando le cose non funzionano come previsto. E due, abbiamo disattivato l’impostazione in modo che funzionasse come previsto. Ciò ha un impatto negativo sulle entrate perché è un input in meno che hai quando decidi quali annunci mostrare alle persone. Quindi, invece di ottenere un impatto sul trimestre parziale, nel quarto trimestre si ottiene un impatto sull’intero trimestre”.

Quindi, in sostanza, il sistema di Twitter non rispettava gli input sulla privacy degli utenti e quel difetto era in atto per sei annitra il 2013 e il 2019.

Che è una violazione della privacy significativa, da qui la multa di $ 150 milioni dalla FTC.

Come per il L’annuncio della FTC:

“Twitter ha chiesto agli utenti di fornire i propri numeri di telefono e indirizzi e-mail per proteggere i propri account. L’azienda ha quindi tratto profitto consentendo agli inserzionisti di utilizzare questi dati per indirizzare utenti specifici. L’inganno di Twitter viola un ordine FTC del 2011 che vietava esplicitamente all’azienda di travisare le proprie pratiche in materia di privacy e sicurezza.

Anche se il caso in sé non è nuovo e il difetto alla base del problema è stato risolto, è un altro duro colpo per Twitter, che è nel bel mezzo di una spinta alla riduzione dei costi mentre lavora per soddisfare le proprie, difficili entrate e crescita obiettivi, mentre navigava anche su una spinta di acquisizione ostile da parte di Elon Musk.

Twitter aveva preso in considerazione questa multa nelle sue previsioni, quindi il successo non sarà così significativo come potrebbe sembrare, ma anche così, $ 150 milioni sono molti per togliere i suoi libri, anche se aprirà la strada a una nuova era se / quando Musk prende il controllo dell’app.

Che sembra ancora un “quando”, nonostante le proteste di Musk sul conteggio dei profili falsi della piattaforma e altri problemi di trasparenza.

Qualunque cosa accada dopo, questo aiuta a chiarire il libro mastro di Twitter, poiché la multa FTC incombeva su di esso da quasi tre anni.

Il caso evidenzia anche, ancora una volta, che anche un difetto relativamente minore come questo può avere un grande impatto quando si opera alla scala delle piattaforme social. Un piccolo errore con poche centinaia di persone è un problema, ma quando ha un impatto su milioni di persone, la portata di quel problema viene amplificata in modo significativo.

E potrebbero esserci altri difetti ancora da trovare, anche se Twitter afferma che da allora ha implementato una serie di controlli e processi per garantire che non stia più abusando dei dati degli utenti.