Twitter lancia la nuova campagna promozionale per gli spazi e le chat audio dal vivo

Sebbene il ciclo di clamore sociale audio si sia notevolmente attenuato, Twitter è determinato a continuare a spingere Spaces come strumento di connessione chiave, nel tentativo di renderlo una parte più importante dell’esperienza di Twitter.

L’ultimo su questo fronte è a nuova campagna pubblicitaria per Spaces – che non sono sicuro venda davvero l’opzione come si spera.

Come puoi vedere, Twitter sta cercando di mostrare il valore degli spazi e delle discussioni audio nell’app. E certamente, gli argomenti di Spaces che mette in evidenza qui sono abbastanza dominanti: tocca subito la scheda Spaces e troverai un numero qualsiasi di Spaces su NFT, “pensieri doccia” e simili.

Il problema è che questo è anche uno dei motivi per cui Spaces non sta prendendo piede, perché la maggior parte di queste discussioni sono piuttosto di nicchia e l’algoritmo di Twitter non è ancora eccezionale nell’evidenziare le discussioni più preziose e interessanti per ogni singolo utente.

Cosa che, ovviamente, è difficile da fare. Con le discussioni che si svolgono dal vivo, essenzialmente non possono essere moderate e classificate in anticipo, sebbene Twitter abbia aggiunto tag di argomenti per aiutare in questo senso.

Ma una sfida più grande potrebbe essere che Twitter non vuole raccomandare spazi che potrebbero essere problematici. Se dovessi andare alla scheda Spazi e trovare uno spazio in alto che Twitter aveva evidenziato e che Spaced finisse per essere, ad esempio, una chat mascherata su QAnon, il contraccolpo potrebbe essere significativo.

Questa è solo una delle tante sfide dei contenuti in live streaming, che è stata sottolineata ancora una volta all’inizio di questa settimana quando un utente di Twitch si è trasmesso in streaming durante una sparatoria a Buffalo.

Facebook ha trovato lo stesso con la sua funzione di mappa dal vivo, che alla fine si spegne – quando promuovi contenuti in live streaming, corri anche il rischio di promuovere anche materiale dannoso, che, ancora una volta, è un elemento inevitabile dell’esperienza live.

Anche se nel caso di Twitter, sospetto che i suoi algoritmi non siano eccezionali nel mostrarti le cose più rilevanti, in un dato momento.

Nonostante il suo ampio grafico sociale e le intuizioni sugli interessi degli utenti, Twitter non è mai stato eccezionale nella personalizzazione, qualcosa che TikTok ha ottenuto fino al tee, con il suo algoritmo “For You” in continua evoluzione che ti risucchia in un vortice di contenuti di attualità e rilevanti , più veloce di quanto tu possa immaginare. Le ore volano mentre scorri le clip di TikTok e quell’esperienza di visione compulsiva è il motivo per cui è diventato così popolare e ora sta guidando la prossima ondata di connessione sociale, con tutte le altre app che stanno recuperando il ritardo.

Twitter, ancora una volta, non è mai stato eccezionale in questo. Ad esempio, non è mai stato in grado di integrare i migliori clip di Vine in Twitter, mentre la sua attenzione allo streaming live, tramite Periscope, alla fine è svanita perché non poteva aumentare il coinvolgimento.

Spaces, sfortunatamente, sembra soffrire della stessa afflizione e, a meno che Twitter non possa rendere quella scheda Spaces più avvincente, evidenziando i flussi in corso migliori, più rilevanti dal punto di vista personale e più preziosi in un dato momento, non lo vedo diventare un pezzo chiave per l’esperienza comune di Twitter.

Tuttavia, come mi ha fatto notare di recente un lettore, molti utenti stanno vedendo benefici da Spaces e l’opzione ha davvero un valore. Ma a meno che non veda un’adozione più ampia, non vedo come Twitter stesso trarrà un valore significativo dal supporto dell’audio dal vivo in futuro.

Forse un altro per Elon da risolvere quando prenderà le redini dell’app.


Leave a Comment