Twitter perde altri tre dirigenti mentre il dramma di Musk Takeover continua

Indipendentemente dal risultato finale, Elon Musk ha sicuramente scosso le cose al quartier generale di Twitter, con un altro tre alti dirigenti ora lasciando l’azienda, in mezzo al continuo flusso e riflusso attorno alla spinta all’acquisizione di Musk.

La scorsa settimana, il CEO di Twitter Parag Agrawal ha annunciato che l’azienda Kayvon Beykpour, leader dei prodotti di consumo, e Bruce Falck, responsabile dei prodotti delle entrate era stato informato che non erano più necessari. Ora molti altri leader interni stanno seguendo l’esempio.

Come riportato da Bloomberg:

“Ilya Brown, vicepresidente della gestione dei prodotti, Katrina Lane, vicepresidente di Twitter Service e Max Schmeiser, responsabile della scienza dei dati, stanno tutti lasciando l’azienda, secondo i promemoria interni descritti a Bloomberg. Tutti e tre hanno scelto di uscire da soli, secondo i promemoria.

Questa è una grossa fetta delle voci più importanti del business che ora stanno andando avanti – e potremmo non aver ancora finito, con l’accordo di acquisizione di Musk ora in un nuovo stato di flusso, che aumenterà ancora di più la pressione, aumentando già atmosfera interna tesa.

Per ricapitolare a che punto siamo: durante il fine settimana, Musk ha affermato che la sua acquisizione di Twitter da 44 miliardi di dollari era effettivamente “sospesa” perché non credeva alla segnalazione ufficiale della SEC di Twitter secondo cui meno del 5% del conteggio degli utenti attivi era costituito da profili falsi.

Musk ha fatto un grosso problema sulla necessità di Twitter per affrontare bot e falsi, poiché nella sua esperienza personale molti account non rappresentano persone reali, un problema che ha promesso di affrontare quando ne assume la proprietà.

L’attuale CEO di Twitter, Parag Agrawal, ha risposto pubblicamente alle critiche di Musk, spiegando il processo di valutazione dei suoi falsi numeri di utenti. Ma oggi Musk ha ribadito ancora una volta che non andrà avanti con l’accordo su Twitter se la piattaforma non sarà in grado di dimostrare definitivamente le sue false affermazioni degli utenti.

Cosa che Twitter potrebbe avere difficoltà a fare effettivamente, anche se uscire dall’accordo non sarà così semplice nemmeno per Musk, che ha rinunciato varie misure di due diligence nella sua proposta di acquisizione di Twitter, per accelerare la vendita.

Ma ancora una volta, indipendentemente dal risultato, Twitter è già stato irrimediabilmente cambiato. Con così tanti leader senior che stanno andando avanti, per scelta o per decisione dell’azienda, ciò altererà inevitabilmente la traiettoria dell’azienda e renderà Agrawal un leader più incallito, consolidato al suo posto, se Musk in qualche modo si ritira dalla scena affare. O cambierà comunque completamente, con Musk in carica.

Allo stato attuale, tuttavia, sembra ancora che il risultato più probabile sia che Musk sarà bloccato nell’accordo, con Twitter deposito la sua dichiarazione preliminare di delega alla SEC oggi per consolidare la vendita.

“Twitter si impegna a completare la transazione al prezzo e ai termini concordati il ​​prima possibile.”

C’è qualche precedente legale per Musk che si è ritirato completamente, sulla base del falso reportage di Twitter alla SEC, anche se per dimostrarlo dovrebbe stabilire la malafede, essenzialmente, attraverso lo sforzo deliberato di Twitter di ingannare le autorità di regolamentazione attraverso il suo precedente rivelazioni.

Twitter ha segnalato il suo numero di account del profilo falso al 5% dal 2013, quindi sembra improbabile che Musk possa sostenere di non essere a conoscenza o che i numeri siano esplicitamente falsi. Ma sembra che cercherà di ridurre il prezzo dell’offerta o di allontanarsi dalla sua offerta.

C’è ancora molto da fare, che probabilmente vedrà ancora più personale di Twitter saltare la nave.


Leave a Comment